Come funziona l’irrigazione a goccia e attrezzatura necessaria

irrigazione a goccia come funziona e attrezzatura necessaria

Chi ha inventato l’irrigazione a goccia e come funziona

La microirrigazione è un sistema di irrigazione localizzata a microportata di erogazione che ha iniziato ad affermarsi in Israele negli anni 60

L’acqua dei primi gocciolatori (in linea a moto laminare) veniva emessa lentamente e ad intervalli regolari tramite un microtubo avvolto attorno a un tubo da 16mm sfruttando il fenomeno dell’attrito e della caduta di pressione all’interno delle condotte.

I progressi tecnologici portarono anche alla produzione di erogatori a moto turbolento e all’adozione di tecnologie di auto compensazione. 

Attrezzatura per irrigazione a goccia

I Gocciolatori per l’impianto di irrigazione a goccia

I gocciolatori, dai quali deriva la denominazione “irrigazione a goccia”, sono piccoli ugelli installati su tubazioni in polietilene atti al rilascio graduale dell’acqua. Il rilascio graduale avviene grazie al passaggio dell’acqua attraverso minuscoli labirinti che ne rallentano la velocità (per attrito). 

I gocciolatori possono essere a portata fissa di tipo standard o autocomensanti oppure a portata variabile. Sono particolarmente utilizzati per le irrigazioni dei filari alberati, e delle ortive. I gocciolatori autocompensanti hanno generalmente una portata variabile tra i 2 e gli 8 l/h e funzionano in un range di pressione compreso tra 1.0 e i 4.0 bar.

Le ali gocciolanti per irrigazione

Le ali gocciolanti sono ampiamente utilizzate per l’irrigazione delle aiuole arbustive, dei filari alberati degli orti e delle tappezzanti. Esse consistono in tubi in polietilene con gocciolatori intrusi (inseriti all’interno del tubo durante il processo di fabbricazione). La distanza tra i gocciolatori determina il “passo” dell’ala gocciolante. Tendenzialmente nei giardini vengono impiegate ali gocciolanti autocompensanti con diametro esterno di 16 mm, passo 30 cm e gocciolatori da 2.0 – 2.2 l/h.

Tubi Porosi per irrigazione a goccia

Un’alternativa alle ali gocciolanti è costituita dalla scelta dei tubi porosi. Questi erogatori, adatti per la subirrigazione sono caratterizzati da una microporosità che permette alla superficie del tubo di “trasudare” in modo uniforme l’acqua che verrà erogata direttamente in prossimità degli apparati radicali delle piante. Questi tubi vengono impiegati con pressioni di esercizio tipiche di 0.8 – 1.0 bar e rilasciano tendenzialmente portate di 2 l/h per ogni metro della loro lunghezza.